Paintball: una guerra a colpi di vernice

3 10 2012

Video importato
Download Video

Originario degli Stati Uniti, è ormai in rapida diffusione in tutta Europa. Il Paintball (erede del vecchio SoftAir, la famosa attività ludico-ricreativa di squadra basata sulla simulazione di tattiche militari) è un’inedita disciplina sportiva che simula una vera e propria guerra combattuta a colpi di vernice (per maggiori informazioni visita il sito www.paintb​allgames62​.it). I giocatori di Paintball, protetti da specifiche mascherine appositamente studiate per il gioco, e armati di un marker (marcatore) ad aria compressa, partecipano a una gara di Paintball con lo scopo di colpire e dunque eliminare il proprio avversario colpendolo con delle palline di gelatina riempite con la vernice. La velocità d’impatto di un colpo di marker (300 piedi al secondo, 328 km/h per le competizioni di carattere internazionale) consente infatti alla capsula del proiettile contenente la vernice di rompersi al primo contatto con l’obiettivo. Una volta colpito, il giocatore contrassegnato da un “paintball” (una macchia di vernice sulla tuta) viene eliminato dalla gara. Per rientrare in gioco dovrà attendere un tempo prestabilito oppure l’inizio della partita successiva. Il gioco è sicuramente avvincente e mozzafiato, regolarmente praticato a livello agonistico, attraverso campionati, competizioni e tornei ormai diffusissimi in tutto il mondo. Le partite si svolgono prevalentemente all’interno di vecchi fabbricati (anche se si stanno progressivamente sviluppando, anche nel nostro paese, zone appositamente adibite allo scenario di guerra, sia chiuse e delimitate sia all’esterno). Le regole del gioco del Paintball non sono molte; molte di più, invece, le regole di buona condotta (necessarie a evitare situazioni spiacevoli e infortuni). Fondamentali restano comunque gli obiettivi, le tecniche e le strategie di gioco che però sono appannaggio dell’immaginazione dei giocatori e dipendono molto dalle condizioni del terreno. Come altri giochi di simulazione bellica, il Paintball può apparire pericoloso. Eppure, contrariamente alle apparenze, il Paintball risulta essere uno degli sport più sicuri, con una percentuale d’incidenti davvero molto bassa: pari allo 0,02. Certo, perché questi standard siano mantenuti, è importante conoscere, seguire e rispettare le norme di sicurezza. La maschera è obbligatoria all’interno del perimetro di gioco (detto “Speedball”), ma per evitare anche i colpi accidentali sarebbe buona norma otturare sempre i propri marcatori con appositi tappi al di fuori dello scenario di combattimento. A suffragio di quanto detto, bisogna riportare il dato secondo cui la quantità d’infortuni nel Paintball è stimata intorno ai 45 incidenti ogni 100.000 partecipanti ogni anno. Il calcio, il basket o il baseball, ad esempio, presentano percentuali di gran lunga più grandi. In linea con il trend europeo e internazionale, anche Italia il Paintball risulta sempre più diffuso e con prospettive d’interesse sempre crescenti. Paintball Games 62, azienda leader del settore, che per oltre dodici anni si è occupata di merchandise, ha per questo deciso di fare finalmente il “grande passo”, annunciando la produzione della sua prima linea di paintballs di gioco.


Azioni

Informazioni